mercoledì 3 agosto 2011

DI FERIE E CONTRATTI. Lo so che mi odierete.

È innegabile, questo ritorno di un tempo soleggiato e vacanziero ci porta con la testolina perennemente fuori dall'ufficio. Nel mio caso, fuori da un blocco di cemento armato senza finestre, con sacchetti di nylon fissati con lo scotch marrone a dei tubazzi che dal tetto vengono dentro, che quando piove fanno gocciolare l'acqua nei cestini di plastica prontamente piazzati sulla loro traiettoria. Nylon che, di quando in quando, sapete, si stacca, piombando a terra con un botto che neanche il camion del bulgaro che si schianta contro il portone in retromarcia, e lasciando fuoriuscire ettolitri di liquido verdemarrone e alghe (ALGHE??) che la Pri, mocho e secchio alla mano, deve raccogliere, compromettendo la funzionalità della sua colonna vertebrale e rischiano una decorrenza del contratto anticipata, visti gli insulti a piede libero al capo.

Ma questo è solo il mio caso.
Dicevo, non è raro immaginarci immersi nel sole, il culetto posato su una sdraio o su un telo mare che si pone tra noi e granelli di sabbia cristallina, le onde ad accarezzare e rinfrescare il bagnasciuga... evitiamo di menzionare le borsine della spesa appallottolate, i bicchieri di cartone e le coperte di alghe all'uncinetto, che mi fa tanto poco poetico.
Ecco, io lo immaginerò, appunto.
Il destino, o meglio, il mio capo, vuole che il 5 agosto, venerdì, si concluda il mio duecentotrentottesimo contratto, lasciandomi 3 settimane almeno nella condizione mentale che a marzo (era marzo o aprile?) mi ha portata ad aprire questo blog. E a sperare che mi richiamino immediatamente, che è vero che la quotidianità qui ha lo stesso brio di una tumulazione, ma preferisco vivere 9-10 ore qua dentro incartapecorita ed incazzata tanto da essere inavvicinabile quanto l'Area 51, che rimanere senza stipendio.
Dunque, vuoi per tenere da parte qualcosa a fronte di una prossima carestia, vuoi perché l'acquisto in tempi brevissimi di Procopio ci ha lievemente dissanguato (cioè, ha dissanguato il povero Topo che li ha tirati fuori, ma tanto anche buona parte di eventuali spese vacanziere mie se le sarebbe dovute accollare lui, essendo io una palla al piede squattrinata), di vacanze non se ne parlerà nemmeno quest'anno.
Che poi il Topo ha una settimana una di ferie, e guardacaso è quella di ferragosto.
Con tutto il mio masochismo, non ho il coraggio di muovermi in quei giorni. Quando ero una pulzella sconsiderata e un po' testadicazzo sì, ora non più.
E qui, il problema si pone:
Non vado da nessuna parte. Occhei.
La piscina mi sta un po' sui maroni perché è troppo piena di gente, e poi io che non so nuotare odio essere spintonata a destra e sinistra in acqua, farei venire venti marines statunitensi all'ingresso a far fuori col lanciafiamme chiunque si avvicini. Se sono anche dei bei marcantoni tanto meglio, poi si festeggia tutti insieme in acqua.
Quindi piscina no.
Farò risplendere casa, ma vivo in un trilocale di 60mq, la Cenerentola che è in me ha poca soddisfazione.
Dormirò, ma il mio orologio biologico è impostato sulle 5 AM.
Gli amici? Quelli che sono in ferie sono sparsi all around Europe, con gran gioia del mio postino, che ha un bel lavoro tra cartoline e quant'altro. Chi non è in ferie, naturale, lavora.
Shopping? Uh! Magari... Ecco, no, che devo fare economia.
Farò la spola tra Mantova e Milano, girovagando senza meta per la città, questo sì. Come anche cercherò di portarmi in pari con l'abbronzatura del braccio destro, ok.
Però, io, tre settimane (come minimo), 21 giorni, 504 ore, TRENTAMILADUECENTOQUARANTA MINUTI, checazzofaccio?

18 commenti:

Cawarfidae ha detto...

tutti sulla stessa noiosa barca!

The Cunnilinguist ha detto...

ora, se fossi quello di una volta ti direi:
"a te ci penso io!"
ma mi sono messo a fare il bravo, poi tu hai il Moroso e quindi no, non lo dico :-)

personalmente sono un praticante dell'ozio.
questo vuol dire che posso stare TRENTAMILADUECENTOQUARANTA MINUTI elevato all'ennesima potenza a fare un cazzo...tele, libri, penniche e qualche birra con gli amici.
A parte l'incertezza dello stipendio/posto di lavoro, io starei da dio nella tua condizione (eccetto che preferirei una topa al Topo, pur non mettendo in discussione l'avvenenza fisica del tuo uomo)

sulsecondobinario ha detto...

cucina!!!!io farò così...

Ladybug ha detto...

Leggi spaparanzata sul divano con i tuoi mici, fai zapping selvaggio, snorkling nella vasca da bagno e soprattutto continua a scrivere il blog! :D

Pri ha detto...

@Cawarfidae
Speriamo non ne risenta la mia creatività, ahah! :D

@Cunny
Apprezzo comunque il pensiero, grazie, grazie. :D
È che tre settimane sono un'eternità!! Io quando ozio penso a cosa farò dopo! :D

@sulsecondobinario
Mi rimetterò a far dolci per il Topo (spesso io nemmeno li tocco), così mi prenderà a parolacce ed io occuperò una parte del tempo a cercare di difendermi. :)

@Ladybug
I miei mici saranno gli unici a beneficiare del mio periodo casalingo, 'avoglia corse sui tetti che si fanno poi! :D

DolcePrinciFessa ha detto...

beh ma se sei di mantova fai presto ad andare al lago di garda in giornata, no???

Pri ha detto...

Vero, non ci metto molto, ma da sola..? :-/ O mi porto i gatti al guinzaglio, compreso quello cieco, o devo trovare altra compagnia...

Carolina Venturini ha detto...

Che dire..temo siano in tanti nella tua stessa condizione... almeno un lavoro ce l'hai, per quanto scarognato...

Marianna ha detto...

DAI Pri sei tutti noi intanto da venerdì sei libera da melma, alghe, zio d'america e tutto il circo!!!
a novembre tanto si faranno vivi dove la trovano un'altra come TE?
Goditi il riposo e mi raccomando non ti dimenticare di Noi OK!

Dani :) ha detto...

Ti consiglio anch'io il lago di garda...non sempre, ma ci sono state occasioni in cui anch'io sono andata da sola....magari non tutto il giorno ma solo il pomeriggio: un bel libro, le tue canzoni preferite in cuffia e via a godersi il sole...soprattutto quello dalle 5 in poi..e ci pianti di quelle ronfate!

Pri ha detto...

@Carolina
Speriamo di averlo anche dopo la "pausa"... sì, ne sono abbastanza sicura, però non si sa mai, con sti contratti maledetti... :(

@Marianna
E chi vi dimentica, vi tormenterò per riempire le mie giornate, muahahah! :D
Prepararsi all'urto... :)

@Dani
Ci proverò... è che essendo un'habitué delle figure di emme, preferirei avere una balia e non dovermele gestire tutte da sola!! :D

The Cunnilinguist ha detto...

cosa? pensi a cosa farai dopo!
hai bisogno di un esorcismo...ahahaah...sei posseduta.
io mentre ozio nemmeno penso...

Pri ha detto...

... sì, l'ho sempre pensato in effetti... ecco che carriera dovevo scegliere...

Robin ha detto...

Cercare un altro lavoro? ;)
Non te la prendere, ti capisco bene: anche io sono alle prese con i colloqui in questo periodo!
In bocca al lupo!

Rita ha detto...

great blog
love it

visit: http://trendybutterfly.blogspot.com/

Adriana ha detto...

Come ti capisco! L'ozio non fa per me. Secondo me l'ideale è trovare qualche bel parco dove stare sotto gli alberi a leggere... io faccio così :-)
E gioco a Mall World su Facebook. Ma non ditelo a nessuno...

El_Gae ha detto...

Prendila con filosofia, chettefrega! Ti sono solidale, in ogni caso, anche noi tutti a casa. ;-)

Pri ha detto...

@Robin
Credimi, lo sto facendo e non da poco... :)

@Adriana
Ahahah! :D E che gioco è?? :D
Sì, senz'altro sarà una delle soluzioni che cercherò, perlomeno quando sarò a Milano, perché qui c'è un'idea di parco molto particolare... o_O

@Gae
Eheheh, avrete un bel daffare voialtri mi sa... :D